RACINES DE SONGE  Roots of Dream 

 

Excerpt of the choreographic solo Racines

Anne-Cécile Chane-Tune

November 1

H. 20.30

C/O LabOratorio San Filippo Neri

Concept, choreography, interpretation : Anne-Cécile Chane-Tune

Artistic Assistant : Zoé Joarlette

Soundscape composer : Sophie Berger  

Light design: Fred Nicaise

Costumes design: Line De Munnynck

Outside eye : Bob Verschueren

Video : Sarah Toffano

Production : Emmanuel De Candido

With the support of Charleroi Danse - Centre Chorégraphique de la Fédération Wallonie-Bruxelles, la Cité des Arts Réunion (Saint-Denis, Reunion Island), Parcours Asbl Cie Félicette Chazerand (Brussels), Hybrid StudioS (Brussels), les Studios de Virecourt (Poitiers), Axis Syllabus Summit Festival (Berlin).

Sensory experience, a living painting where the spectator can choose to be linked and drawn to dive into a world of his own, "Racines de Songe" is a first scenery of the choreographic solo Racines that aims to reveal the underside of our icebergs and plunge us into the earth... the head first.

Mater set in motion: carbon graphite

A faceless character moves around a table. Is it an impression or the earth moving under his/her feet? Are we in his/her laboratory or in his/her bedroom? Do we ask ourselves all these questions to finally let go and let ourselves dive into the soil ? One side of the walls is filled with synaptic drawings that seem to belong to the same family... one is missing.

"I have constantly insisted until now on the fact that identity is made up of multiple affiliations; but it is essential to insist just as much on the fact that it is one, and that we live it as a whole. A person's identity is not a juxtaposition of autonomous affiliations, it is not a patchwork, it is a drawing on a stretched skin; that only one affiliation is touched, and it is the whole person who vibrates."

- Amin Maalouf, Les identités meurtrières -

MORE INFOS ABOUT THE ARTIST

Esperienza sensoriale, dipinto vivente in cui lo spettatore può scegliere se essere collegato e disegnato per immergersi in un mondo tutto suo, "Racines de Songe" è un primo scenario del solo coreografico Racines che mira a rivelare la parte inferiore dei nostri iceberg per farci tuffare nella terra ... la testa prima. Materia in movimento: grafite di carbonio. Un personaggio senza volto si muove attorno a un tavolo. È un'impressione o la terra si muove sotto i suoi piedi? Siamo nel suo laboratorio o nella sua camera da letto? Ci poniamo tutte queste domande per lasciarci finalmente andare e immergerci nel terreno? Un lato delle pareti è pieno di disegni sinaptici che sembrano appartenere alla stessa famiglia ... ne manca uno.

 

"Fino ad ora ho sempre insistito sul fatto che l'identità è costituita da più di caratteri, ma è anche essenziale insistere sul fatto che si tratta di una, e che la viviamo come unitaria. L'identità di una persona non é una giustapposizione di affiliazioni autonome, non è un patchwork, è un disegno su una pelle allungata, é una sola affiliazione che viene toccata, ed è l'intera persona che vibra".

- Amin Maalouf, Les identités meurtrières -

1-11-2018

THEATRE DAMSLab

TIME | 21.00 P.M

TICKET | FULL PRICE 10€

1-11-2018

TEATRO DAMSLab

ORE | 21.00

COSTI | INTERO  10€

STUDENTI  5€