"Quando vaghi ramingo nel bosco, il tempo svanisce. Si compatta ed esce completamente dal tuo orizzonte esistenziale. Non sei più un animale che conta il tempo, un uomo Sapiens Sapiens Contabilis, e di questo, alla fine della giornata, sarai immensamente grato."

da Ogni albero è un poeta, di Tiziano Fratus

LOGISTICA

Partenza: sabato 4 ore 09.00

Ritorno: domenica 5 ore 17.00

 

Alloggio: la sera di sabato saremo accolti presso l'agriturismo Cà del Buco, mantenendo le regole previste dai DPCM, ognuno alloggerà in una stanza con bagno.

Vitto: il pranzo del sabato è a carico dei partecipanti, mentre cena, colazione e pranzo della domenica sono gestiti dall'organizzazione e inclusi nel costo.

Sentiero: il sentiero è di difficoltà medio-bassa, il percorso sarà alternato a momenti di sosta dedicate alle attività di ricerca attraverso il momento e la riflessione collettiva.

Costo: 150€ incluso: vitto, alloggio, tessera assicurativa.

IN CASO DI PIOGGIA L'EVENTO SARA' ANNULLATO.

Registrazioni: architetturedicorpi@gmail.com

Quello del pastore è un viaggio lento in cui si mette in evidenza l’effetto diacronico del tempo, un cammino fatto in solitaria accompagnato dai rumori della natura, bivacchi ristoratori, un andare che si vivifica di osservazione e di silenzi interiori.

La nostra PASTORALE vuole essere perciò un lento cammino meditativo nelle colline Bolognesi, dove in alternanza andremo ad “ascoltare i nostri passi “ in relazione al nostro corpo, i moti e le stasi che lo costituiscono, ci fermeremo ad assaporare i suoni della natura e come essi ci rigenerano.

Ascolteremo i nostri respiri con i polmoni di nuovo aperti, ci ri-connetteremo con l’intricata rete vitale del sottobosco per innescare dialoghi tra noi, le radici, i tronchi, gli steli d’erba nella luce del mese di luglio.

Lasceremo poi che tutto il sentire possa evocare parole, gesti, immagini che depositeremo al suolo o lanceremo al vento o custodiremo nei nostri corpi..

ll percorso si snoda lungo sentieri, in aree prescelte, lungo il cammino, cuciremo indagini di movimento e ricerca performativa attraverso la relazione con l'ambiente, e con spunti teorici proposti. Gli strumenti di lavoro che offriremo attingo da l'Axis Syllabus, la ricerca sul gesto poetico, 

l'improvvisazione.

Conduzione del laboratorio a cura di: 

Anna Albertarelli 

Nuvola Vandini