MIRACOLI ORDINARI

Con Frey Faust

I movimenti più sofisticati che il corpo umano performa sono quei movimenti a cui spesso non si da importanza: alzarsi, sedersi, camminare, correre, salire le scale, pulire, caricare pesi, cucinare...etc.  Queste strategie primarie possono sostenere o intralciare anche le scelte che faremo danzando o giocando. Quando studiamo queste azioni, abbiamo la possibilità di organizzare o riorganizzare coordinazioni abituali al fine di liberare e accrescere le nostre potenzialità e insieme limitare il rischio di infortunio. 

In questa lezione, aperta a tutti la quotidianità sarà sotto la lente d'ingrandimento!

3-4 NOVEMBER 2018

3 november H. 18.00-19.30  |  4 november H. 15.30-17.00

ORDINARY MIRACLE

With Frey Faust

The most sophisticated and subtle movements the human body performs are the ones we often think the least about: getting up, sitting down, walking, running, climbing stairs, cleaning, carrying, cooking...etc. These primary choices and strategies will either help or hinder us when we want to dance or play. When we study these moments we can set or reset habits that can liberate, raise our skill level, or free us from or prevent  pain. In this class for everyone, the everyday under the magnifier!​

Frey Faust 

Born in 1960, Frey Faust began performing at the age of 8 with his family as a traveling troubadour. He is a second generation contact improviser and an alumnus of the 80´s New York dance scene. Some of his more important early influences came from: Shekhinah Mountainwater, Nita Little, Pavel Rouba, Rene Bazinet, and Janet Panetta. He has worked with and for a number of artists (order of appearance): Ohad Naharin, Donald Byrd, David Parsons, Gina Buntz, Howard Katz, Merce Cunningham, Meredith Monk, Randy Warshaw, Bob Een, Stephen Petronio, Danny Ezralow... to name a few. He founded or co-founded three dance companies, and has created or co-created over 40 choreographic solo and group works. Following an independent study of anatomy, biomechanics, and physics, he has been able to build a pedagogical approach that has made him a sought after teacher, personal coach and technical counselor. After fifteen years of research, he consolidated his findings in a book, 'The Axis Syllabus - human movement lexicon', which he continues to edit with the help of the Axis Syllabus International Research Network. Founded in 2009, the ASIRN is a rapidly expanding group of experts from many related fields in the human movement and education sciences. Recently, his work on the AS has been focused on the construction of a symbol set with the potential to streamline movement documentation and analysis. He also makes shoes, speaks 4 languages, continues to create and perform dances.

Frey Faust

Classe 1960, Frey Faust ha iniziato a danzare all'età di 8 anni, come trovatore itinerante, insieme alla sua famiglia. È un danzatore di Contact Improvvisation di seconda generazione e un alunno della scena newyorkese degli anni '80. Alcune delle prime influenze più importanti sono state: Shekhinah Mountainwater, Nita Little, Pavel Rouba, René Bazinet e Janet Panetta. Ha lavorato con e per diversi artisti (in ordine di apparizione): Ohad Naharin, Donald Byrd, David Parsons, Gina Buntz, Howard Katz, Merce Cunningham, Meredith Monk, Randy Warshaw, Bob Een, Stephen Petronio, Danny Ezralow. . per dirne alcuni. Ha fondato o co-fondato tre compagnie di danza e ha creato o co-creato oltre 40 lavori coreografici, soli e non. Dopo uno studio indipendente di anatomia, biomeccanica e fisica, è stato in grado di costruire un approccio pedagogico che lo ha reso un ricercato insegnante, personal coach e consulente tecnico. Dopo quindici anni di ricerche, ha consolidato le sue scoperte in un libro, "The Axis Syllabus - Lessico del movimento umano", che continua a modificare con l'aiuto dell'Axis Syllabus International Research Network. Fondato nel 2009, l'ASIRN è un gruppo di esperti in rapida espansione provenienti da molti settori correlati al campo del movimento umano e delle scienze dell'educazione. Recentemente, il suo lavoro sull'AS è stato incentrato sulla costruzione di un set di simboli con il potenziale per ottimizzare la documentazione e l'analisi del movimento.

Parallelamente Frey costruisce scarpe artigianali, parla 4 lingue, continua a creare ed eseguire danze.